Sono 65 le opere provenienti per la maggior parte da musei italiani e internazionali, con cui la Fondazione Ferrero di Alba (Cn) celebra la grande pittura di Felice Casorati. L’ampia antologica è allestita nella sede della Fondazione dal 25 ottobre sino al 01 febbraio e viene affiancata in contemporanea alla Gam di Torino dall’esposizione di una selezione di disegni custoditi nella Galleria. Intitolata ‘Felice Casorati. Collezioni e mostre tra Europa e Americhe’, la mostra è curata da Giorgina Bertolino, coautrice del Catalogo Generale dei dipinti dell’artista, che ha voluto illustrare sia per il largo pubblico di appassionati sia per gli esperti lo stato della ricerca, la storia pubblica, nonché l’accoglienza internazionale alla pittura di Casorati dagli anni ’10 ai ’50 del ‘900. Un lungo lavoro che ha permesso, quale risultato, di riportare per l’occasione in Italia alcuni dipinti che lasciarono il paese agli inizi del secolo e quindi mai esposti prima. Del resto, delle 65 opere in mostra ben 45 provengono da musei e istituzioni nazionali e internazionali, fra cui appunto la Gam di Torino (depositaria della più ampia collezione pubblica di opere di Felice Casorati), la Gnam, il Museo del Novecento di Milano, Ca’ Pesaro, il Mart, la Nationalgalerie di Berlino, il Centre Pompidou, il Detroit Institute of Arts, il Museum of Fine Arts di Boston, , il Museo d’Arte Contemporanea di San Paulo. Considerato uno dei maestri dell’arte italiana del ‘900, Casorati fu protagonista di quel rinnovamento del linguaggio espressivo che ebbe uno spazio di scambio e di confronto proprio nelle Biennali veneziane e nelle esposizioni europee e americane. Se partecipò a importanti rassegne celebrative come le Esposizioni per il Centenario argentino di Buenos Aires e per il Centenario dell’Indipendenza di Santiago del Cile (1910), le Esposizioni universali di Barcellona (1929) e di Bruxelles (1935) fino all’Esposizione Internazionale di Parigi (1937) e a numerose mostre dedicate all’arte italiana contemporanea, in particolare a quelle itineranti del movimento artistico Novecento, sono le Biennali veneziane a costituire il punto privilegiato d’osservazione. Date e orari : termine domenica 1° febbraio 2015
Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 15.00 alle 19.00 – il sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 19.00 
Martedì chiuso.
I giorni di chiusura : 24, 25 e 31 dicembre 2014, 1° gennaio 2015
Accesso e servizi per disabili
Ingresso gratuito  
Indirizzo : Strada di Mezzo, 44 – 12051  Alba
Tel:  0173.295259 – fax 0173363274 – info@fondazioneferrero.it 
Per prenotazione gruppi e visite guidate : Itinera Servizi Turistici – Tel:0173.363480 – Fax: 0173.442638 – itinera@piemonteitinera.net