Ad Asti si ricomincia con il settembre caldo degli eventi eno-gastrici. Inizia infatti il periodo dell’anno con le più celebri manifestazioni folkloristiche ed eno-mangerecce della capitale del vino piemontese. Niente come il vino identifica nel mondo Asti e la sua provincia. Per rendere omaggio in patria a questo ambasciatore universale, da 39 anni si celebra ogni seconda domenica di settembre, sotto il segno della Douja d’Or, il Festival delle Sagre, una grande giornata di festa che è stata definita “la più vera rappresentazione di vita contadina”. E quest’anno la grande abbuffata sarà domenica 08 settembre, con il pantagruelico raduno delle Pro Loco di tutto il Monferrato col loro sapore di mondo contadino che trasformano Piazza Campo del Palio in una sterminata osteria a cielo aperto, dove ogni anno i visitatori si contano a centinaia di migliaia. Oltre 40 pro-loco della provincia di Asti propongono le loro specialità gastronomiche, accompagnate da vini DOC astigiani, nel ristorante all’aperto punteggiato di ombrelloni e tovaglie colorate che arredano la piazza insieme alle casette delle pro-loco, conferendo all’insieme allegria e gioiosità per un Festival delle Sagre memorabile. Il tutto dopo la suggestiva sfilata che si snoda per le vie della città, animata da più di tremila figuranti in autentici abiti d’epoca, trattori, arnesi del mestiere, che rappresentano i valori e le tradizioni di questa magnifica terra. La sfilata è l’appuntamento fisso per coloro che ogni anno vogliono assaporare il gusto delle cose semplici di un tempo, e il racconto dei personaggi e delle storie della campagna. Rimane invece aperta fino a domenica 16 la Douja d’Or, grande rassegna enologica annuale con oltre 500 vini da tutta Italia in degustazione e vendita.